Ex operaio Gela, seppellivo rifiuti Eni

Il procuratore di Gela, Fernando Asaro, conferma che è stata avviata un'indagine dopo la testimonianza di Emanuele Pistritto, 70 anni, che ieri davanti alle telecamere del programma "Nemo", su Rai2, ha rivelato clamorosi episodi di inquinamento del suolo e del sottosuolo con rifiuti industriali provenienti dal petrolchimico dell'Eni. Pistritto, proprietario e conduttore di pale meccaniche, ora in pensione, per molti anni è stato titolare di appalti nel settore del movimento terra e di materie prime nello stabilimento. Gli scarti della lavorazione della chimica e della raffineria sarebbero stati sotterrati in grandi vasche di oltre 500 metri quadrati e della profondità di 15 metri, a est del petrolchimico. Dentro vi sarebbe stato scaricato di tutto: "Dall'amianto agli anelli di ceramica dei reattori - si autoaccusa il testimone - che mi facevano frantumare con i cingoli delle ruspe. "Gli ingegneri dicevano che 'qui fra 50 anni moriranno tutti di tumore'".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Radio Rtm
  2. Quotidiano di Ragusa
  3. Radio Rtm
  4. RagusaNews.com
  5. RagusaOggi

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Licodia Eubea

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...